Garmont diventa partner della Via Francigena


Il pellegrinaggio è, da sempre, riscoperta dell’essenziale. Quando si affronta un viaggio, il primo pensiero preparando lo zaino non è “cosa porto?”, ma “cosa posso lasciare a casa?”. Così ci si concentra sull’irrinunciabile e si pretende il massimo da ogni accessorio

Leggerezza, comfort e perfomance sono caratteristiche irrinunciabili per il pellegrino che percorre centinaia di chilometri. L’Associazione Europea della Via Francigena (AEF) da sempre si preoccupa di fornire ai propri camminatori tutte le informazioni utili e, fra queste, una è senza dubbio più essenziale delle altre: quali scarpe indossare

Scarpe da trekking, scarponcini, scarponi. Ogni camminata è differente, ogni pellegrino ha le sue esigenze, ma tutti condividono una condizione: la qualità assoluta. È con queste premesse che Garmont è diventato sponsor tecnico AEVF.  

AEVF si è subito identificata con il motto di Garmont “Stay Wild”, quali il desiderio e la capacità di varcare il limite del proprio ordinario, l’aspirazione a superare confini fisici, mentali e psicologici.  

Garmont è da sempre impegnata nella realizzazione di calzature in grado di resistere alle avventure più impegnative, come può essere l’affrontare il lungo cammino della Via Francigena: l’antica strada che da millenni conduce i pellegrini verso Roma lungo lo storico percorso tracciato dall’Arcivescovo Sigerico, partito da Canterbury e arrivato a piedi alla Città Eterna.  

Oggi il cammino ufficiale misura oltre 3.200 km attraversando Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia. 

La Via Francigena rappresentò uno snodo centrale delle grandi vie della fede. Tra la fine del primo millennio e l’inizio del secondo, la pratica del pellegrinaggio assunse un’importanza crescente. I luoghi santi della cristianità erano Gerusalemme, Santiago de Compostela e Roma.  

​​​​​​​

I pellegrini provenienti da nord percorrevano a Via Francigena per dirigersi a Roma, ed eventualmente proseguire lungo la via Appia verso i porti pugliesi dove si imbarcavano verso la Terrasanta.  

Viceversa i pellegrini italiani diretti verso Santiago la percorrevano verso nord, per arrivare a Luni, dove s’imbarcavano verso i porti francesi o per proseguire verso il Moncenisio e quindi immettersi sulla Via Tolosana, che conduceva verso la Spagna.  

Il pellegrinaggio divenne presto un fenomeno di massa e con esso anche la Via Francigena assunse un ruolo determinate.  

Ad oggi chi affronta il cammino lo fa per svariate ragioni, per Garmont è un onore avere la possibilità di accompagnare i pellegrini lungo il loro cammino con le migliori scarpe, qualsiasi esse siano.  


 www.viefrancigene.org




Garmont - Garmont diventa partner della Via Francigena